Sermone del 07 Dicembre 2014 - Angelo BLEVE - Guarire dalla solitudine

Sermone del 07 Dicembre 2014 - Angelo BLEVE - Guarire dalla solitudine

Genesi 2:18 Poi Dio il SIGNORE disse: «Non è bene che l'uomo sia solo; io gli farò un aiuto che...

Sermone del 30 Novembre 2014 - Giacomo BLEVE - E' gratis

Sermone del 30 Novembre 2014 - Giacomo BLEVE - E' gratis

    Giosuè 1:1-9   Dopo la morte di Mosè, servo del SIGNORE, il SIGNORE...

Sermone del 23 Novembre 2014 - Paul WEAVER - Condivisione e Integrazione - VIDEO

Sermone del 23 Novembre 2014 - Paul WEAVER - Condivisione e Integrazione - VIDEO

  Giovanni 4:7-14 Una Samaritana venne ad attingere l'acqua. Gesù le disse: «Dammi da...

Sermone del 09 Novembre 2014 - Angelo BLEVE - Confessare il dolore

Sermone del 09 Novembre 2014 - Angelo BLEVE - Confessare il dolore

    Salmo 38:1-22    O SIGNORE, non rimproverarmi nella tua ira,non...

XIV Culto Internazionale

XIV Culto Internazionale

La Chiesa Cristiana Evangelica di San Benedetto del Tronto e l'Associazione onlus IL GERMOGLIO...

Sermone del 02 Novembre 2014 - Angelo BLEVE - Cosa ti costringe ad alzarti?

Sermone del 02 Novembre 2014 - Angelo BLEVE - Cosa ti costringe ad alzarti?

    Esodo 12:29-36    A mezzanotte, il SIGNORE colpì tutti i...

  • Sermone del 07 Dicembre 2014 - Angelo BLEVE - Guarire dalla solitudine

    Sermone del 07 Dicembre 2014 - Angelo BLEVE - Guarire dalla solitudine

    Domenica, 07 Dicembre 2014 18:36
  • Sermone del 30 Novembre 2014 - Giacomo BLEVE - E' gratis

    Sermone del 30 Novembre 2014 - Giacomo BLEVE - E' gratis

    Domenica, 30 Novembre 2014 16:54
  • Sermone del 23 Novembre 2014 - Paul WEAVER - Condivisione e Integrazione - VIDEO

    Sermone del 23 Novembre 2014 - Paul WEAVER - Condivisione e Integrazione - VIDEO

    Domenica, 23 Novembre 2014 16:54
  • Sermone del 09 Novembre 2014 - Angelo BLEVE - Confessare il dolore

    Sermone del 09 Novembre 2014 - Angelo BLEVE - Confessare il dolore

    Domenica, 09 Novembre 2014 16:54
  • XIV Culto Internazionale

    XIV Culto Internazionale

    Domenica, 02 Novembre 2014 20:54
  • Sermone del 02 Novembre 2014 - Angelo BLEVE - Cosa ti costringe ad alzarti?

    Sermone del 02 Novembre 2014 - Angelo BLEVE - Cosa ti costringe ad alzarti?

    Domenica, 02 Novembre 2014 16:54

I cristiani in Siria oggetto di rapimenti

 

ISTANBUL- In un quartiere gitano povero di Istanbul, un rifugiato siro-ortodossa dalla Siria dice di aver lavorato come dentista in Aleppo finché poteva dopo aver combattuto la guerra scoppiata nel 2011; finalmente fuggito quando la mancanza di cibo, energia elettrica , acqua, e la costante paura ai sequestri di cristiani, ha reso la vita troppo pericoloso.

"Alcune persone potrebbero venire nel mio studio dentistico e minacciarmi di sequestro di persona," dice. "Alla fine ho dovuto chiudere la mia attività."

Vivere in una casa non riscaldata e mantenere le loro voci verso il basso per paura di attirare l'attenzione della polizia, 20 cristiani siriani ortodossi coprono con giacche invernali, bere caffè turco, e discutere i pericoli di fuga devastato dalla guerra la Siria e aver attraversato illegalmente il confine con la Turchia. Il dentista di mezza età, identificato solo come Ilyas, dice in un inglese fluente che amici e parenti sono stati rapiti da gruppi criminali che operano liberamente a causa della rimozione del controllo del governo centrale.

Il rifugiato dice di aver pagato 6.000 dollari ad un contrabbandiere per aiutarlo a uscire e hanno attraversato il confine, sotto il fuoco di un gruppo di sconosciuti. Non riesce a trovare un lavoro legale, ma qui le opere di tanto in tanto la traduzione in arabo al turco.

Un altro dei rifugiati dal nord della Siria, identificato solo come 35 anni Ibrahim, fuggito quando sua zia è stata rapita da un gruppo criminale locale. Ha detto che i membri del gruppo criminale erano in collusione con gli estremisti islamici stranieri che sono stati nel paese per combattere il presidente Bashar al-Assad e creare uno stato islamico. La zia è stata infine riscattata per 6.000 dollari.

Dopo aver attraversato in Turchia dopo aver pagato tangenti alla frontiera, Ibrahim si preoccupa per il suo futuro in quanto la Siria non è più sicuro per i cristiani, mentre i gruppi di beneficenza locali in Turchia hanno ignorato i rifugiati siriani ortodossi, ha detto.

"Come possiamo rimanere in Turchia?", Ha detto. "Nessuno mi dà un lavoro perché a loro non piace arabi, e sarebbe peggio se sapevano fossi un cristiano. Anche le organizzazioni di beneficenza in Turchia non mi assiste quando scoprono che sono cristiano. "

Questi rifugiati sono tra i migliaia di ortodossi siriani in fuga nella vicina paesi del Medio Oriente e in Europa.

Quelli che fuggono in Europa ad affrontare pericoli di affidarsi ai trafficanti, che hanno creato un business multimilionario tratta di esseri umani le conseguenze della guerra. Cristiani che soggiornano in attacchi di rischio Siria e le esecuzioni da parte degli estremisti. In entrambi i casi, i leader della Chiesa e gli attivisti temono Siria presto perderà la sua popolazione cristiana.

"C'è un esodo silenzioso dei cristiani di Siria," Nuri Kino, un giornalista svedese. "Purtroppo ci sono segni che ciò che è accaduto in Iraq sta accadendo qui - ci sono rapimenti, stupri, e video di YouTube condizionati di persone che vengono forzatamente convertiti all'Islam."

Prima della guerra, 1,4 milioni di cristiani vivevano in Siria, o 6,3 per cento della popolazione della nazione a maggioranza musulmana, secondo Operation World . Non è chiaro quanti rimangono ora.

"E 'l'inferno là fuori in Siria", ha detto Kino. "I cristiani hanno una mancanza di fede e di speranza e sono massicciamente fuggiti dal paese. Non credono che qualcuno parla per loro. "

I cristiani in Siria abitano in mezzo a molti altri gruppi etnici e religiosi, tra cui arabi, curdi, alawiti e drusi. Assiri sono il più grande gruppo etnico cristiano. Parlano siriaco, un dialetto semitico simile al linguaggio parlato di Gesù, e sono stati stabiliti nel paese in quanto dall'inizio del cristianesimo.

I cristiani sono stati vulnerabili fin dall'inizio della guerra civile che ha lasciato 60.000 morti. Diversamente dai gruppi etnici, non hanno milizie armate per proteggere se stessi e sono sparsi in tutto il paese. Di conseguenza, i rapimenti di cristiani hanno accelerato a causa della percezione che essi sono ricchi e non hanno sicurezza armata.

Nella città di Hassaké, 50 cristiani sono stati rapiti il ​​mese scorso. Più di recente, un farmacista cristiana è stata rapita all'inizio di questo mese e ha tenuto per un riscatto di circa 11.000 euro.

Molti dei rapiti sono medici, avvocati e altri professionisti, ma ora i poveri cominciano a essere rapiti, arcivescovo siro-cattolico di Hassaké-Nisibi Jacques Behnan Hindo dice all'Agenzia Fides.

Sulla scia di tali pericoli, un anello intricato traffico di esseri umani è sorta a profitto fuori assiri in fuga violenza interetnica. Kino, che ha condotto interviste con più di 100 rifugiati assiri, ha pubblicato un rapporto all'inizio di febbraio dal titolo "Tra il filo spinato", che descrive il volto disagi rifugiati e l'incontro atrocità cristiani in Siria.

In un caso, contrabbandieri confezionato un giovane di nome Jacob in un container con 70 altri profughi per ore. Hanno viaggiato quattro giorni per l'Italia nella stiva di una barca piccola e sono stati costretti a nuotare verso la riva un miglio di distanza.

Nonostante pagare almeno $ 17.000 a contrabbandieri, i rifugiati sono stati costretti a mano armata di escursione attraverso chilometri di foresta, infilarsi in spazi ridotti, con poca aria, e andare per giorni senza cibo né acqua. Trenta dei 70 annegati perché non sapevano nuotare dopo essere stati bloccati in una barca nel mezzo di un fiume.

Un altro paese arabo sta perdendo la sua minoranza cristiana assira, ha detto Emanuel Youkhana arcidiacono della Chiesa assira dell'Oriente in un'intervista a Nina Shea, direttore del Centro del Hudson Institute for Religious Freedom.

"Quando è successo in Iraq, nessuno credeva che il turno della Siria sarebbe venuto", ha detto Youkhana Shea. "Dietro la segnalazione quotidiana di bombe vi è una pulizia etnico-religiosa in atto, e presto la Siria può essere svuotato dei suoi cristiani."